La cultura è l’anima del popolo. 

Era un lunedì di dicembre del 1994, quando a Trieste ho aperto gli occhi sul mondo. Da sempre ho amato l’arte, in tutte le sue forme. 

Sono passata dai pennarelli della scuola materna agli acrilici dell’Istituto d’Arte.

Accanto alla pittura, da sempre risiede in me un’altra passione: il teatro. Sono cresciuta tra l’odore del palcoscenico e l’incantevole magia di chi sa lasciarsi trasportare. Dopo aver trascorso cinque anni tra i colori, l’argilla e tanta manualità, ho deciso di voler comunicare anche attraverso altri mezzi, scoprendo la forza della parola.

Biografia 

Diplomatasi in Maestro d’Arte e in Arti Applicate all’Istituto d’arte Enrico ed Umberto Nordio di Trieste, durante gli anni universitari diventa giornalista, entrando nel 2016 nell’Ordine dei Giornalisti del FVG.

Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione all’Università di Trieste, maturando la sua passione per il teatro, il cinema e l’arte, prosegue gli studi all’Università di Udine, laureandosi in Scienze del Patrimonio Audiovisivo e dei Nuovi Media al Dams di Gorizia.

È stata vicepresidente dell’Associazione culturale Opera Viva che da più di dieci anni opera in Friuli Venezia Giulia e in Slovenia, proponendo agli studenti delle scuole superiori il concorso artistico “Questa Volta metti in scena….”. Ha inoltre collaborato al corto “Se dico cuore” del regista Davide Salucci, in occasione dell’undicesima edizione del concorso nel 2016.

Per l’Università di Udine ha preso parte al corto “Ho scelto Gorizia Città Universitaria” (2018), del regista Massimo Garlatti-Costa, per il Consorzio per lo Sviluppo del Polo Universitario di Gorizia.

Quando è stata consigliere della Fondazione Lelio Luttazzi – presieduta da Rossana Luttazzi, moglie del Maestro – ha presenziato alla serata finale al Blue Note di Milano della Seconda edizione del Premio Luttazzi – andata in onda nell’agosto del 2017, su Rai 1 in prima serata, condotta da Teo Teocoli e Simona Molinari – e della Terza edizione, alla Casa del Jazz di Roma, presentata dal critico musicale Dario Salvatori nel giugno del 2019. Con la Fondazione ha collaborato al libro “La rabbia in smoking” di Lelio Luttazzi.

È stata presente come attrice alla 76esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con il film “La legge degli spazi bianchi” del regista Mauro Caputo (prodotto da Vox Produzioni in associazione con Istituto Luce Cinecittà), proiettato alle Giornate degli Autori. Il film con Fulvio Falzarano e Omero Antonutti, tratto dall’omonimo racconto di Giorgio Pressburger, è stato presentato anche al Mittel Cinema Fest 2019.

Per i cento anni della Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi Città di Trieste ha curato la drammaturgia dello “Spettacolo di San Giusto”, andato in scena al Teatro Verdi, nel novembre del 2019, dove si sono esibiti tra gli altri l’attore Julian Sgherla, il soprano Daniela Mazzucato e il tenore Andrea Binetti. Inoltre si è occupata della direzione creativa della mostraCento anni di musica, storia ed emozioni”, della Civica Orchestra, allestita a Palazzo Costanzi di Trieste.

Nel 2020 per i 100 anni dalla nascita di Federico Fellini, ha scritto i testi interpretati da Julian Sgherla, per lo spettacolo-concerto “Raccontando Fellini“, della Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi Città di Trieste. Lo spettacolo è stato registrato nel Cortile delle Milizie del Castello di San Giusto, nell’ambito di Trieste Estate ed è stato trasmesso sul canale YouTube del Comune di Trieste (qui il video).

Sempre nel 2020, a 10 anni dalla scomparsa di Lelio Luttazzi, ha curato la serata “Omaggio a Lelio Luttazzi” al Festival Approdi. Lettura interpretativa di Lorenzo Acquaviva degli scritti del Maestro. Musiche eseguite dal pianista Francesco De Luisa. 

Da diverso tempo collabora con la casa editrice MGS Press, per la quale ha curato la postfazione del libro “Lacroma. L’isola maledetta degli Asburgo” di Stefania del Belgio (2019) e inoltre ha preso parte al lavoro per la seconda edizione del “Diario poetico” di Elisabetta d’Austria.

È accademica del GISM (Gruppo Italiano Scrittori di Montagna). Nel 2019 è stata nella giura del concorso per le scuole “Io e la montagna”, organizzato dal CAIXXX Ottobre in collaborazione con il Miur e l’Ordine dei Giornalisti FVG.

Ha collaborato in diverse occasioni con la casa di produzione cinematografica  VOX Produzioni e con il Festival Approdi, diretto dall’attore e regista Lorenzo Acquaviva. Scrive per varie riviste online e per il quotidiano Il Piccolo di Trieste.

Tiene conferenze e presenta mostre d’arte e libri; tra i tanti eventi ha tenuto un incontro su Lelio Luttazzi per l’Inner Wheel; sulla Belle Époque per l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme; ha presentato la conferenza tenuta dal fotografo Ugo Borsatti noto in città e all’estero (nel 1964 una sua foto è stata esposta al MOMA di New York).

Tra le mostre figurano “Diario di un anarchico istituzionale” di Ugo Pierri, presentazione insieme al prof. Elvio Guagnini, alla Biblioteca Statale S. Crise di Trieste; “La luce e le interferenze” di Monica Kirchmayr, alla Sala Comunale d’Arte in Piazza dell’Unità di Trieste. Tra i libri invece: la trilogia dedicata a Sissi dell’attore e scrittore Alessandro Fullin; “Maria Teresa. Semplice nel privato, determinata sul trono” di Ida von Duringsfeld; “Il Natale di Sissi” di Valerio Vitantoni (editi da MGS Press); nonché “Lacroma”, il libro di cui ha curato la postfazione.

È stata in giuria in diversi concorsi in Italia e all’estero; ha presenziato a diverse trasmissioni radiofoniche della RAI del FVG e di Tele Capodistria, TV slovena.

Come fotografa ha partecipato ad alcune mostre collettive, immortalando principalmente eventi artistico-culturali. Recentemente ha curato le foto per l’album “Al Caffè San Marco” dell’attrice e cantante Marzia Postogna e del chitarrista Eduardo Contizanetti.